segreteria@proctocenter.it - Tel.:06 66514230
DIAGNOSI

sintomi4Diagnosi. Oggi esistono tecnologie e tecniche d’avanguardia in grado di intervenire efficacemente sulle malattie colonproctologiche, con un disagio minimo a carico del paziente.

È importante esserne a conoscenza ed avere le corrette informazioni sulle fasi di un esame da effettuare e su come prepararsi al meglio per affrontarlo con serenità. A volte si tende a sopravvalutare o sottovalutare l’invasività di alcune tecniche diagnostiche: da qui la volontà di dedicare questo spazio ad una loro conoscenza più approfondita.

La colonscopia, ad esempio, è un tipo di esame spesso accompagnato da molta disinformazione: esso rappresenta, invece, un momento di prevenzione fondamentale per i soggetti che hanno superato i 50 anni di età, su cui non gravano fattori ereditari. È un esame comune, breve, che può essere affrontato anche in sedazione, in grado tutelare la vita ed evitare fattori di rischio, come lo sviluppo di polipi che in questo modo possono essere asportati direttamente e prima della loro degenerazione.

Molte altre tecniche descritte nella sezione dedicata sono importanti e utili per riconoscere immediatamente il percorso diagnostico indicato dal medico.

 

L’ano è l’apertura che collega la parte terminale dell’intestino con l’esterno. Il cibo ingerito attraversa tutto il sistema digerente e gli scarti sono trasformati in feci che, dopo una sosta nel retto (l’ultima parte dell’intestino crasso), attraversano il canale anale e sono espulse attraverso l’ano.

L’ano è l’apertura che collega la parte terminale dell’intestino con l’esterno. Il cibo ingerito attraversa tutto il sistema digerente e gli scarti sono trasformati in feci che, dopo una sosta nel retto (l’ultima parte dell’intestino crasso), attraversano il canale anale e sono espulse attraverso l’ano.

Il tumore dell’ano è piuttosto raro. L’incidenza annuale (il numero di nuovi casi in un anno) è di circa 1-3 nuovi casi ogni 100.000 persone e, in genere, le donne sono più colpite rispetto agli uomini.