segreteria@proctocenter.it - Tel.:06 66514230
CANCRO COLON RETTO

PREVENZIONE CANCRO CANCRO_COLONCos’è  Il cancro del colon retto è il più frequente tumore intestinale e la seconda causa di morte per cancro nel mondo occidentale. I soggetti al di sopra dei 50 anni di età sono quelli più a rischio, tuttavia, sebbene in rari casi, può verificarsi anche in giovani tra i 20 e i 30 anni.Statisticamente sono stati identificati alcuni gruppi di persone maggiormente a rischio: quelle di età superiore ai 50 anni con familiarità o storia personale di polipi o tumori del colon-retto, con storia personale di malattie infiammatorie croniche intestinali, come retto-colite ulcerosa e morbo di Crohn, o di tumori ginecologici (mammella, ovaio e utero).

Cause  La causa è sconosciuta benché siano stati individuati fattori di rischio quali la familiarità per tumore del colon retto e polipi intestinali, la storia personale di malattie infiammatorie croniche intestinali (Retto-Colite Ulcerosa e Morbo di Crohn), pregresse neoplasie a carico di altri organi (in particolare, utero o mammella). La maggior parte dei cancri del colon-retto ha origine da polipi benigni, chiamati adenomi, che vengono quindi considerati “lesioni pre-cancerose”.

Sintomi  La sintomatologia è aspecifica e insidiosa, caratterizzata da sintomi ascrivibili anche ad altre condizioni patologiche, come rettorragia (sanguinamento dall’ano), cambiamenti nelle abitudini intestinali – sia con comparsa di stipsi che di diarrea – oppure nella qualità delle feci (ad esempio “a pasta di dentifricio”o “nastriformi”). Dolore addominale e importante perdita di peso possono invece essere associati ad una malattia già avanzata.

Terapie  Si consiglia l’esecuzione di un esame di screening una volta raggiunti i 50 anni, età che si riduce a 40 nei soggetti con parenti di primo grado affetti da neoplasie colorettali. Un corretto programma di prevenzione richiede una visita specialistica, comprensiva di un’attenta anamnesi ed un accurato esame obiettivo, che non trascuri l’esecuzione dell’esplorazione digitale del retto.

L’approccio terapeutico al cancro del colon retto prevede l’asportazione del segmento intestinale sede del cancro insieme ai tessuti limitrofi ove sono situati i linfonodi. Quando il cancro è localizzato al colon o al retto alto e non è particolarmente avanzato, l’intervento chirurgico dovrebbe essere sufficiente; in uno stato più avanzato potrebbe essere opportuno utilizzare anche la chemioterapia.

 

 

Approfondimenti. La prevenzione

Si possono utilizzare gli accertamenti già citati di cui, si ribadisce, il più accurato e approfondito è la colonscopia totale. Un sano stile di vita, caratterizzato da un buon introito d’acqua (circa 1.5-2 litri al giorno), un corretto regime alimentare (con un elevato contenuto di fibre, riducendo i grassi), una costante attività fisica, potrebbero costituire un ulteriore aiuto nella prevenzione. Infine, è buona norma prestare attenzione ai “segnali” inviati dal nostro corpo: cambiamenti nelle abitudini intestinali, persistenza di stipsi, diarrea o sangue nelle feci andrebbero discussi con il proprio medico.

 

Per ulteriori informazioni scrivi a info@proctocenter.it